Bulbina Nataliensis

Che cos’è la bulbina natalensis?

La bulbina nataliensis appartiene alla famiglia delle Asphodelaceae, una pianta che si trova principalmente nel sud del continente africano. È conosciuta anche per via di altri nomi, come ad esempio ibhucu, ingcelwane e rooiwortel.

La linfa delle sue foglie è tradizionalmente usata come rimedio per le ferite, le bruciature e i rash cutanei. L’infuso della sua radice si usa per prevenire vomito, diarrea, convulsioni, infezioni sessuali, diabete e reumatismi.

Nonostante il suo uso sia ormai diffuso in Africa da molti anni, essa è diventata popolare nel continente europeo solo da poco tempo.

E’ in grado di aumentare i livelli di testosterone, e di ridurre i livelli di estrogeni.

Componenti

Uno stelocolmo d’acqua di bulbina natalensis contiene i seguenti composti:

  • Tannini
  • Antrachinoni
  • Glicosidi cardiaci
  • Saponine
  • Alcaloidi
  • Derivati della naftalina

Come agisce?

Il preciso meccanismo d’azione della bulbina natalensis nell’uomo non è stato stabilito. Tuttavia, secondo gli studi sui ratti, si ritiene che agisca attraverso i seguenti meccanismi:

  • Aumenta i livelli di testosterone nei testicoli e nel sangue
  • Aumenta le dimensioni dei testicoli come risultato di un aumento dei livelli di testosterone e, a sua volta, i testicoli secernono più testosterone
  • Aumenta l’attività di un enzima testicolare (fosfatasi alcalina), coinvolto nel mantenimento della salute dello sperma
  • Aumenta i livelli di composti nei testicoli, responsabili della produzione di testosterone (colesterolo), della maturazione e del mantenimento dello sperma sano (glicogeno, acido sialico, proteine testicolari)
  • Aumenta i livelli di ormoni riproduttivi (ormone follicolo-stimolante e luteinizzante), che stimolano le cellule (cellule di Leydig) a produrre testosterone

Benefici sulla salute della bulbina natalensis

1) Può migliorare la salute sessuale

Elevati livelli di testosterone migliorano la libido, l’umore e la salute sessuale generale negli esseri umani.

Con un estratto colmo d’acqua di bulbina natalensis si è visto un aumento dei livelli di testosterone nei testicoli e nel sangue dei ratti. Si è visto anche un miglioramento nel comportamento sessuale e si è dimostrato più efficace del Viagra alla dose di 25-50 mg/peso corporeo. Questo indica il suo potenziale da utilizzare nella gestione dei disturbi della libido, dell’eiaculazione precoce e della disfunzione erettile negli uomini.

L’estratto di Bulbine natalensis ha aumentato le probabilità di successo nell’accoppiamento e la fertilità nei ratti come risultato dell’aumento della libido e degli ormoni riproduttivi (testosterone, progesterone, ormone luteinizzante e ormone follicolo-stimolante). Ma, non ha alterato altri parametri di salute sessuale come la motilità dello sperma, la forma, la viscosità e la quantità.

2) Può accelerare la guarigione delle ferite

Nei maiali, gli estratti di gel delle foglie di bulbine nataliensis guarivano le ferite guarite più velocemente e meglio rispetto alle ferite non trattate. C’è stato un aumento del collagene, delle proteine e del DNA nelle ferite trattate con bulbina nataliensis, il che significa che le cellule si dividevano rapidamente, con conseguente recupero più rapido.

L’estratto di gel della foglia di bulbinanataliensis  ha migliorato il processo di guarigione delle ferite nei maiali da svezzamento, formando nuovi tessuti fibrosi, muscoli e connettivi e aumentando l’immagazzinamento e la maturazione del collagene.

3) Può aiutare a combattere le infezioni fungine
Una classe di composti chimici naturali (fitosteroli) presenti nella bulbina nataliensis ha bloccato la crescita di uno dei funghi più tossici al mondo(Aspergillus flavus).
Un estratto colmo d’acqua di bulbina nataliensis dal tubero della pianta ha completamente bloccato la crescita dei funghi Aspergillus (niger e flavus) a tutte le dosi testate.

4) Può aiutare a combattere le infezioni batteriche

Estratti di bulbina natalensis in diversi tipi di alcol hanno bloccato la crescita di diverse infezioni batteriche.

Effetti collaterali e sicurezza

In uno studio, 36 uomini sani hanno preso un integratore di bulbina nataliensis al giorno per 28 giorni. Il consumo di bulbine nataliensis è risultato sicuro in base al sangue, ai reni, al fegato e ai marcatori generali della salute (frequenza cardiaca, pressione sanguigna, ECG).

Nei ratti, un estratto colmo d’acqua dello stelo del bulbo nataliensis aumenta i livelli ematici di colesterolo e trigliceridi e diminuisce i livelli di colesterolo “buono” (HDL).

Un altro studio sui ratti ha dimostrato che l’estratto di stelo di bulbina nataliensis aumenta gli enzimi epatici (GGT, ALT e AST) e le dimensioni del fegato (lobuli) e dei reni (tubuli prossimali e contorti). Questi cambiamenti indicano danni derivanti dall’uso di bulbine nataliensis.

Gli estratti di bulbina nataliensis sono disponibili in capsule, compresse, polvere ed estratti liquidi. A volte è combinato con altri stimolatori di testosterone o aggiunto alle polveri proteiche.

Dosaggio

Nell’unico studio umano sulla bulbina nataliensis, è stata consumata alla dose di 325 mg due volte al giorno.

Un dosaggio di 50 mg/kg è ottimale sulla base degli studi sui ratti. Questo può essere convertito in circa 8 mg/kg per un essere umano di 60 kg secondo gli standard di conversione della superficie corporea stabiliti dalla Food and Drug Administration (FDA).

In altre parole, sulla base di studi su animali, un estratto di bulbina nataliensis può essere assunto alla dose stimata di:

360 mg per una persona di 45kg.

550 mg per una persona di 68kg.

730 mg per una persona di 90kg.

La dose di bulbo nataliensis sarebbe maggiore se la pianta viene consumata senza alcuna estrazione.

Tuttavia i dosaggi dipendono dal prodotto in esame e dai suoi costituenti, in quanti per il prodotto grezzo (senza nessuna estrazione particolare) i dosaggi sono maggiori.

Integratori che si possono usare in sinergia, per aumentare il testosterone:

  • Acido D- Aspartico
  • Vitamina D
  • Zinco
  • Magnesio
  • Forskolina
  • Panax ginseng, Shilajit
  • Ashwagandha

Esperienze degli utilizzatori

Molti utilizzatori hanno sperimentato un aumento della libido, e dell’ energia mentale e fisica con il consumo di bulbina nataliensis. Gli effetti di aumento del testosterone hanno richiesto un certo tempo prima di poter essere evidenti per alcuni utilizzatori.

Altri riferiscono di non aver avvertito alcun effetto dopo l’assunzione di bulbine natalensis. Tuttavia, alcuni hanno notato effetti dopo aver raddoppiato il dosaggio.

Un solo utilizzatore ha detto che il supplemento lo ha aiutato a dormire meglio, ma che ha anche portato a palpitazioni cardiache, che si sono calmate dopo averne interrotto il consumo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dr. Andrea Piscicelli,
Biologo Nutrizionista • Nutrizionista Sportivo
andrea.piscicelli@activenutrition.it
Tel (+39) 3332696430

Milano: Via Lomellina, 13
Milano: Via Giovanni da Procida, 38
Lecco: Viale Montegrappa, 10D